Il terrorismo islamico in 100 mappe. Da Al-Qaida allo Stato Islamico.pdf

Il terrorismo islamico in 100 mappe. Da Al-Qaida allo Stato Islamico PDF

Mathieu Guidère

A partire dalla caduta del comunismo, il nuovo scontro che oppone islamismo e liberalismo imperversa in tutti i continenti e attraversa tutti gli strati sociali. Allinizio tale scontro si è espresso sotto letichetta controversa di scontro delle civiltà, prima di assumere la forma di una guerra globale al terrorismo, condotta con un gran numero di soldati e di armamenti sofisticati. È paradossale constatare che il dibattito delle idee è rimasto relativamente vago in ragione del carattere indefinito del nemico, carattere che riflette la coesistenza di gruppi e organizzazioni dai contorni incerti, ma la cui affiliazione islamica esprime, di riflesso, un ritorno prepotente della componente religiosa nel campo politico e geopolitico. Per questo motivo lattualità del terrorismo ha dato luogo a dispute mediatiche sullislam, la cui eco risuona tuttora, sulla sua compatibilità con la modernità e la democrazia, sulla condizione della donna nellislam, sulla sua iconoclastia e sulla sua proibizione delle raffigurazioni, sulla violenza nel Corano e quindi, per estensione, sullimmigrazione e lintegrazione dei musulmani, sullantisemitismo o ancora sullislamofobia. Al di là degli aspetti tecnici e della relativa espressione mediatica, tali controversie permettono di elaborare una storia del terrorismo ormai ricca di numerosi episodi rilevanti. A partire dagli anni Ottanta, infatti, lislamismo in tutte le sue forme ha occupato in maniera progressiva la scena internazionale, focalizzando lattenzione dellopinione pubblica sia negli eventi esterni sia in quelli interni al mondo occidentale. La quasi totalità delle crisi e dei conflitti del dopo guerra fredda hanno visto il coinvolgimento di combattenti musulmani dallAlgeria allAfghanistan, passando per la Somalia, il Sudan, lo Yemen, la Cecenia, i Balcani e il Sahel. Gli interventi militari occidentali, finalizzati a stroncare il fenomeno, sinora non hanno fatto altro che spostare o aggravare le difficoltà delle società prese di mira. Tuttavia, linterconnessione degli interessi e la globalizzazione dellinformazione fanno sì che le fragilità degli uni rimandano alle problematiche degli altri, conferendo unimpressione di vicinanza psicologica che rende le frontiere nazionali labili agli occhi di giovani disorientati. La sovraesposizione mediatica degli eventi locali offre altresì una cassa di risonanza internazionale alle azioni e alle organizzazioni terroristiche, le quali acquisiscono così ulteriore notorietà e attirano sempre più membri fin nel cuore delle democrazie occidentali. Che si tratti di una minaccia reale o percepita, il terrorismo islamista è stato ed è un tema centrale nelle politiche nazionali e nelle relazioni internazionali. Malgrado il cambiamento fondamentale di ordine geopolitico del 2011, non cè alcun dubbio che questo fenomeno continuerà a occupare la scena politica e mediatica anche nei prossimi decenni. (dallIntroduzione al volume)

Il terrorismo islamico in 100 mappe. Da Al-Qaida allo Stato Islamico. Tutte le ragazze avanti! Lezioni su Galileo. Vocali-Soluzioni felici. Paura di vivere. Diritto di vivere. Bruno De Finetti. Un matematico scomodo. La grande passione. I nemici della Repubblica. Storia degli anni di piombo. Al Qaida potrebbe usare la maggiore vicinanza con l’Europa per compiere attentati terroristici e potrebbe sfruttare il momento di debolezza dello Stato Islamico per reclutare nuovi miliziani.

6.98 MB Taille du fichier
8861024009 ISBN
Il terrorismo islamico in 100 mappe. Da Al-Qaida allo Stato Islamico.pdf

Technik

PC et Mac

Lisez l'eBook immédiatement après l'avoir téléchargé via "Lire maintenant" dans votre navigateur ou avec le logiciel de lecture gratuit Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Pour tablettes et smartphones: notre application de lecture tolino gratuite

eBook Reader

Téléchargez l'eBook directement sur le lecteur dans la boutique www.icvirgiliocamposano.it ou transférez-le avec le logiciel gratuit Sony READER FOR PC / Mac ou Adobe Digital Editions.

Reader

Après la synchronisation automatique, ouvrez le livre électronique sur le lecteur ou transférez-le manuellement sur votre appareil tolino à l'aide du logiciel gratuit Adobe Digital Editions.

Notes actuelles

avatar
Sofya Voigtuh

L'autoproclamatosi "Stato Islamico" (IS - Islamic State - ad-Dawla al-Islāmiyya, prima chiamato ISIL - "Islamic State in Iraq and the Levant" o ISIS, meglio chiamato come Dā'esh, quale acrononimo di ad-Dawla al-Islāmiyya fi-l-'Iraq wa ash-Sham), nato l'8 aprile 2013, non è uno stato arabo, non è uno stato islamico, non è uno stato vero e proprio.

avatar
Mattio Müllers

Il terrorismo islamico in 100 mappe. Da Al-Qaida allo Stato Islamico è un libro scritto da Mathieu Guidère pubblicato da LEG Edizioni nella collana Biblioteca Universale di Storia. Atlanti

avatar
Noels Schulzen

TERRORISMO ISLAMICO TESINA. Una delle tipologie di terrorismo più strane e crudeli che conosciamo è il terrorismo islamico. Questo nacque dopo la seconda guerra mondiale,nei territori dove la religione dettava lo stile di vita da seguire, ovvero nel Medio Oriente. Questa forma di terrorismo venne messa in atto dai musulmani per Terrorismo islamista negli Stati Uniti d'America‎ (1 C, 4 P) Pagine nella categoria "Terrorismo islamista" Questa categoria contiene le 91 pagine indicate di seguito, su un totale di 91.

avatar
Jason Leghmann

ISIS e al Qaida condividono lo stesso obiettivo: la creazione di uno stato islamico sul modello di quello creato dal profeta Maometto e dai suoi successori, i califfi, ma differiscono su quasi

avatar
Jessica Kolhmann

L'autoproclamatosi "Stato Islamico" (IS - Islamic State - ad-Dawla al-Islāmiyya, prima chiamato ISIL - "Islamic State in Iraq and the Levant" o ISIS, meglio chiamato come Dā'esh, quale acrononimo di ad-Dawla al-Islāmiyya fi-l-'Iraq wa ash-Sham), nato l'8 aprile 2013, non è uno stato arabo, non è uno stato islamico, non è uno stato vero e proprio.