Traiettorie di sguardi. E se gli altri foste voi?.pdf

Traiettorie di sguardi. E se gli altri foste voi? PDF

Geneviève Makaping

Questo libro intende far riflettere sulla questione del razzismo attraverso la narrazione di episodi quotidiani che spesso conosciamo ma che altrettanto spesso ci ostiniamo a non prendere sul serio.

La società italiana, figlia di invasioni e scambi genetici e culturali di ogni tipo, è percorsa dai fantasmi del razzismo, che affiorano contro la ... G. MAKAPING, Traiettorie di sguardi. E se gli altri foste voi?, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2001. Traiettorie di sguardi. E se gli altri foste voi? Attraverso la narrazione e l' osservazione di episodi quotidiani spesso poco considerati o non presi troppo sul serio, ...

7.99 MB Taille du fichier
8849802595 ISBN
Libre PRIX
Traiettorie di sguardi. E se gli altri foste voi?.pdf

Technik

PC et Mac

Lisez l'eBook immédiatement après l'avoir téléchargé via "Lire maintenant" dans votre navigateur ou avec le logiciel de lecture gratuit Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Pour tablettes et smartphones: notre application de lecture tolino gratuite

eBook Reader

Téléchargez l'eBook directement sur le lecteur dans la boutique www.icvirgiliocamposano.it ou transférez-le avec le logiciel gratuit Sony READER FOR PC / Mac ou Adobe Digital Editions.

Reader

Après la synchronisation automatique, ouvrez le livre électronique sur le lecteur ou transférez-le manuellement sur votre appareil tolino à l'aide du logiciel gratuit Adobe Digital Editions.

Notes actuelles

avatar
Sofya Voigtuh

Raccontar(si), Laboratorio di mediazione interculturale, ... Nato nel 2001 come progetto di formazione per mediatrici interculturali e ... si è raccontata, de/ ricostruita, interrogata, riletta attraverso Traiettorie di sguardi ... E se gli altri foste voi? Lo sguardo minore: studi subalterni e letteratura della migrazione. 124 ... Lo sguardo migrante rivolto verso gli italiani è il centro nevralgico di questi romanzi che ... MAKAPING, G. (2001) Traiettorie di sguardi. E se gli altri foste voi?. Soveria.

avatar
Mattio Müllers

25 feb 2015 ... L'arrivo all'inferno di Auschwitz, da parte di Levi è anticipato nel primo capitolo ... Ad esempio, se nel canto terzo dell'inferno è vero che sul “sommo d'una ... li scorta nel campo, ma costui, invece di gridare “guai a voi anime prave”[18], ... con uno sguardo di faccia e di schiena giudica della sorte d'ognuno, ... Lydia se lo passò alla cintura, lo mise sul suo tavolino da notte e, prima di ... Miss Lydia gli gettò uno sguardo molto dignitoso e, rivolta al marinaio, ... No, no, voi stessa l'avete detto… è Còrsa… ragiona come tutti gli altri. ... sua traiettoria ? Voi ... fin da ieri mio fratello sarebbe venuto a presentarvi i suoi ossequi, se foste stato.

avatar
Noels Schulzen

Traiettorie di sguardi. E se gli altri foste voi? è un libro scritto da Geneviève Makaping pubblicato da Rubbettino nella collana Altera

avatar
Jason Leghmann

Quando Makaping dice: «Guardo me che guarda loro che da sempre mi guardano», il suo sguardo ci costringe a porci quelle domande che la cultura occidentale ha sempre negato ed evitato. Gli “altri” sono già stati osservati e catalogati in secoli di Makaping G., Traiettorie di sguardi. E se gli altri foste voi, Ed. Rubettino, Cosenza, 2001, p.36 2. Clementina Sandra Ammendola è nata a Buenos Aires da padre italiano e madre argentina. Dopo il conseguimento della Laurea in Sociologia, si è trasferita in Italia, dove lavora come Educatrice presso una

avatar
Jessica Kolhmann

Se da più parti è stata sollevata l'urgenza di sviluppare una riflessione in grado di porre il migrante al centro e non ai margini dei processi storici, con tutto ciò che ne consegue in termini di rifiuto della retorica della frontiera e dell'appartenenza genealogica, possiamo allora cominciare ad individuare i caratteri di questa seconda forma di indagine, che trova i suoi riferimenti nei E se gli "altri" foste voi? (Rubbettino, 2001) nel quale definisce se stessa «donna, africana, camerunese, bamiléké, italiana calabrese». Tutti loro – anche se con modalità dissimili che ne rispecchiano i diversi percorsi di vita – permettono a noi italiani di sentirci "guardati dall’esterno": oggi sono loro che giudicano noi.